Come calmare i nervi prima di un discorso pubblico al lavoro

26.08.2019

La frase "stai calmo" non è d'aiuto. Questi 4 consigli aiuteranno la tua mente

Questo articolo è apparso su Huffpost Us ed è stato tradotto da Milena Sanfilippo
Nessun'altra occasione riesce a scatenare il panico tra i dipendenti come la prospettiva di parlare in pubblico. Tenere una presentazione può rivelarsi una chance per farsi sentire, ma un americano su quattro ne ha paura. A quanto pare, ci fa più paura dei serpenti, dell'andare in giro di notte e degli insetti, secondo un'indagine del 2018 condotta dalla Chapman University.

Ma le ricerche dimostrano che ci sono altri modi per calmare i nervi e non sentirsi sopraffatti. Ecco alcuni consigli di psicologi ed esperti per chi deve parlare in pubblico.
Trasforma il nervosismo in eccitazione

Non dar retta al consiglio "Keep calm and carry on" (mantieni la calma e vai avanti), se sei ansioso al pensiero di parlare in pubblico. Piuttosto, cerca di vedere le mani sudate e il cuore in gola come segni di eccitazione. Riconsiderare l'ansia può aiutarti ad arginare il nervosismo, come dimostra uno studio della Harvard Business School del 2014. Il modo in cui pensi alla tua ansia può cambiare anche il tuo modo di presentarti sotto pressione.

Nello studio, la professoressa Alison Wood Brook ha chiesto ai partecipanti di intonare la canzone dei Journey "Don't stop believin" di fronte a un gruppo di persone. Prima di cantare a squarciagola, è stato detto loro di affermare: "Sono ansioso.", "Sono entusiasta", oppure niente. Un video game valutava la loro performance. Il gruppo che aveva palesato il proprio entusiasmo, ha cantato meglio degli "ansiosi" e di chi era rimasto in silenzio.

Analogamente, in un esperimento separato, è stato chiesto ai partecipanti di tenere un breve discorso pubblico dopo aver pronunciato le frasi: "sono calmo" o "sono eccitato." Il gruppo "eccitato" ha tenuto discorsi migliori, come stabilito da giudici esterni. Secondo Brooks il metodo funziona perché incoraggiare l'entusiasmo può predisporci a considerare il compito come un'opportunità, invece cercare di calmarci può indurci a vedere la sfida come una minaccia.

Fai valere le idee che vuoi condividere; non concentrarti solo su di te

Sì, dover parlare di fronte ai propri colleghi è un onore. Ma non date troppa importanza a questa opportunità, se vi preoccupate dell'approvazione del vostro capo o di quello che penserà la platea.

Amanda Hennessey, fondatrice di Boston Public Speaking, lavora da anni come consulente. Consiglia di concentrarsi sulle preziose informazioni che stiamo per condividere, anziché su noi stessi. Così facendo, il discorso diventa "uno scambio di idee e non un referendum sul proprio valore," spiega.

Hennessey afferma che le persone abituate a parlare in pubblico al lavoro riescono a concentrarsi sull'importanza che il discorso avrà per il loro team o per il cliente e su quello che "c'è a rischio per la gente."

"Questo ci porta a una condizione di passione e fermezza, in cui i nostri corpi si sentono vivi," dice Hennessey.

Se la tua mente inizia a immaginare scenari horror sulla riuscita del discorso, Hennessey consiglia una tecnica di bilanciamento per restare sempre presenti.

"Senti i piedi ben piantati a terra e inizia a notare le cose intorno a te. Osserva un oggetto sulla tua scrivania che ti fa sentire felice e concentrati su quello," consiglia Hennessey. "Vogliamo tornare al presente, anziché proiettarci nel futuro.

Non ossessionarti per ogni parola

Se ti sei preparato a sufficienza, non controllare le cose giuste che dirai prima del discorso, consiglia Sian Beilock, psicologo e autore di "Choke: Whati the Secrets of the Brain Reveal About Getting It Right When You Have To." Osservando esempi famosi di persone che, messe sotto pressione, "soffocavano", ha rilevato che le persone di successo rischiano di avere una performance scarsa quando bloccati in una "paralisi analisi": cioè quando cercano di controllare ogni aspetto della loro prestazione facendo troppa attenzione ai singoli dettagli.

"Spesso, il motivo per cui sbagliamo, soprattutto se conosciamo il discorso a memoria e lo abbiamo ripetuto diverse volte, è che prestiamo un'eccessiva attenzione ai dettagli," afferma Beilock. "Le cose potrebbero complicarsi se ti concentri su ogni passaggio del discorso che terrai, appena prima di iniziare."

Secondo Beilock, una persona che deve parlare in pubblico può distrarsi con un'attività che svaghi la mente da quello che sta per fare. "Le ricerche hanno rilevato che per sbarazzarsi di questo controllo continuo, è utile concentrarsi su qualcosa di più grande. Nel golf, si parla di 'swing thought," un mantra che sintetizza tutto il gesto del tiro. Quando parli in pubblico e cerchi di far valere le tue idee, pensa alle tre cose che vuoi comunicare. Quali sono i tre obiettivi?"

Sapendo questo, quando parli riesci a concentrarti sul risultato di ciò che dirai e non su "ogni parola che ti esce dalla bocca," dice Beilock.

Hennessey consiglia di tenere a mente dichiarazioni di autoaffermazione, come "ce la farò," "Soddisfo il mio bisogno di dimostrare quanto valgo"; "Sono eccitato all'idea di condividere le cose a cui tengo."

Ha affermato che gli oratori possono anche tenere nel portafogli una copia del discorso su un foglio di carta, da leggere prima di parlare. "Discorsi diversi fanno presa su persone diverse," spiega Hennessey. "Se trasmette gioia, dovrà continuare a farlo e dovrà riuscire a sovrastare il rumore della tua mente."

Allenati

Diverse ricerche dimostrano che l'attività aerobica è in grado di ridurre la reazione allo stress biologica del corpo. Se si adatta al tuo stile di vita e alla tua routine, continua così e consideralo una parte della tua preparazione al discorso pubblico.

Ma non considerare l'attività fisica alla stregua di una necessità da soddisfare per la buona riuscita di un discorso. "Se improvvisamente non puoi fare sport, non crucciarti," spiega Hennessey. "Quello che vuoi è assicurarti di avere dei rituali, ma non diventarne dipendente".