WhatsApp è l’app più usata in Italia

27.03.2018

di Diletta Parlangeli wired.it

(Foto: Vincos.it - Vincenzo Cosenza)

La fruizione della rete sempre più sbilanciata verso il mobile incorona WhatsApp come l'applicazione più utilizzata in Italia: vince anche su Facebook, ma i prodotti più sfruttati restano comunque di casa Zuckerberg

Gli italiani preferiscono WhatsApp e, almeno da mobile, non c'è Facebook che tenga. Questo è quello che emerge dalla classifica delle applicazioni più utilizzate su scala mondiale - in termini di utenti attivi al mese - stilata dall'analista Vincenzo Cosenza che ha utilizzato i dati forniti da AppAnnie(azienda di monitoraggio degli app store) sulle applicazioni più utilizzate nel 2017 in 25 nazioni, aggiungendo poi i dati sulle app più scaricate negli ultimi 3 mesi del 2017, (sempre grazie agli strumenti di AppAnnie, confrontati con altre fonti), per completare il quadro mondiale.

ComScore, a febbraio del 2017, avvisava di uno spostamento di fruizione della rete da desktop (-4% a 2016 rispetto all'anno precedente) a mobile (+12%) sottolineando come sempre maggiore fosse la fetta di popolazione che accede a internet solo da smartphone (+ 32% per cento di quello che la ricerca definiva "desktop audience").

Come evidenzia Cosenza, in Italia la tendenza è quella di superare le percentuali di media sugli altri Paesi: ComScore stima che qui il tempo speso online in mobilità è del 62% (contro la media del 60%) e che oltre l'87% dei minuti di navigazione da dispositivo mobile è attribuibile all'uso di app (contro una media dell'80%).

In Italia, la classifica vede, in ordine: al primo WhatsApp, appunto, seguito da Facebook, Messenger, Instagram, Amazon, Shazam, Il Meteo, Spotify, TripAdvisor e Telegram.

Più in generale, riporta, l'analisi, "la sorpresa maggiore è che Facebook, destinazione social principale se consideriamo la navigazione web, lascia il posto ad altri servizi se valutiamo il solo utilizzo via app degli stessi".

Il social network con più utenti attivi al mondo (2,1 miliardi) risulta leader tra le applicazioni in sole 4 nazioni: Stati Uniti, Francia, Svezia e Vietnam. I maggiori competitor sono comunque le due creature di Zuckerberg, cioè WhatsApp e Facebook Messenger (che domina 17 nazioni tra cui il Canada, l'Australia e alcuni paesi dell'Est europeo).

WhatsApp (1,5 miliardi di utenti attivi) conquista 32 nazioni: non vince solo in Italia, ma anche in Germania, Gran Bretagna, Spagna, Russia, ma anche nei territori dell'America Latina, in India e Arabia Saudita.

A Oriente, tuttavia, ci sono altri leader: "Line, applicazione di messaggistica istantanea sudcoreana con oltre 200 milioni di utenti attivi, è il mezzo di comunicazione e svago (permette l'acquisto di sticker e giochi) preferito in Giappone, Taiwan e Tailandia", dice Cosenza. L'azienda trova il suo guadagno anche dalla vendita di giochi e sticker, oltre che dall'offerta dei profili business attraverso cui le aziende possono mandare messaggi diretti ai propri follower (a pagamento).

In Cina - dove la censura fa il suo corso - regna indiscusso WeChat, di Tencent, che ha il social QZone, con 980 milioni di utenti mensili.
Viber (ebbe un discreto successo anche in Italia, al suo lancio), posseduta da Rakuten che produce anche l'e-book reader Kobo, è la preferita in Ucraina e Croazia e KakaoTalk in Corea del Sud.

"Al tasso di crescita attuale nei prossimi due anni, è plausibile immaginare un sorpasso di WhatsApp su Facebook in termini di utenti attivi",scrive Cosenza: ma, come lui stesso fa notare, nella maggior parte dei Paesi la lotta tra competitor resta una gara giocata tutta all'interno dell'impero di Zuckerberg.